Disturbo da disregolazione dell'umore dirompente

Il disturbo da disregolazione dell’umore dirompente (DMDD) è un disturbo psichico che troviamo nei bambini e negli adolescenti caratterizzato da due principali manifestazioni psicopatologiche quali, umore irritabile persistente e forti crisi di rabbia (almeno 3 a settimana) presenti da almeno un anno. Tali manifestazioni sono significativamente più gravi rispetto alle reazioni dei coetanei.
Il disturbo da disregolazione dell’umore dirompente 
compare per la prima volta nel DSM-5, il Manuale Statistico e Diagnostico dei Disturbi Mentali e rientra all’interno dei disturbi dell’umore in particolare i disturbi depressivi. Infatti i bambini che soffrono di questo disturbo sono ad alto rischio, in età adulta, di sviluppare disturbi d’ansia e depressivi.

A molti bambini capita di avere occasionalmente dei momenti di rabbia; i bambini che soffrono di DMDD hanno delle crisi di collera che sono qualitativamente e quantitativamente sproporzionate rispetto alla situazione e all’età.

La presenza di un disturbo da disregolazione dell’umore dirompente deve essere attentamente valutata per distinguerla da altre manifestazioni psicopatologiche come il disturbo bipolare nel bambino. Negli ultimi anni del ventesimo secolo infatti, manifestazioni di umore particolarmente irritabile e prolungato nel tempo venivano diagnosticati come disturbi bipolari. Non era infatti presente, nel DSM-IV-TR una diagnosi specifica che descrivesse la grave e duratura irritabilità del disturbo da disregolazione dell’umore dirompente. Con l’uscita del DSM-5 il termine disturbo bipolare è esplicitamente riservato per episodiche manifestazioni di sintomi bipolari. L’introduzione di questa nuova categoria, il DMDD, consente di distinguere queste due categorie nosologiche e fare una diagnosi accurata.

 

Sintomi del DMDD

Molti genitori di bambini con DMDD riportano che i primi sintomi di questo disturbo si sono manifestati prima dell’età scolare. I sintomi principali del disturbo da disregolazione dell’umore dirompente sono un umore irritabile duraturo e costante e gravi crisi di rabbia sproporzionate al contesto e all’età. Questi scoppi d’ira possono manifestarsi attraverso aggressività verbale o comportamentale. Questi bambini possono manifestare il loro disagio attraverso pianti, urla o grida per un eccessivo periodo di tempo oppure possono tirare oggetti, morderli o distruggerli.

I bambini con DMDD mostrano anche una persistente irritabilità che è osservabile dall’esterno. Genitori, insegnanti e compagni di classe descrivono questi bambini come: sempre arrabbiati, permalosi, burberi e scatenati. L’irritabilità che si osserva in bambini con disturbo da disregolazione dell’umore dirompente è una condizione generale e non è collegata a particolari situazioni o eventi. L’irritabilità o la rabbia sono gravi e sono presenti nella maggior parte dei giorni, in situazioni diverse, per almeno uno o più anni.

I bambini che soffrono di disturbo da disregolazione dell’umore dirompente mostrano difficoltà nell’elaborare e gestire gli stimoli emotivi negativi e le esperienze sociali nella vita di tutti i giorni. Per esempio, alcuni studi hanno mostrato bambini con DMDD con problemi nell’interpretare i segnali sociali e le espressioni emotive degli altri.
Questi bambini tendono a giudicare male la 
manifestazione emotiva negativa degli altri, come i sentimenti di tristezza, paura e rabbia. Attraverso la risonanza magnetica alcuni studi hanno suggerito che, associato a questi problemi di interpretazione, ci sia una scarsa attivazione dell’amigdala, l’area del cervello che gioca un ruolo fondamentale nell’interpretazione e nell’espressione delle emozioni.
Deficit nell’interpretazione dei segnali sociali potrebbe predisporre il bambino a rispondere con 
rabbia o aggressività anche per semplici provocazioni.