Condividi su:
Stampa articolo

Il piacere di apprendere: gruppo di lavoro sui prerequisiti scolastici.

15/09/2020


Generalmente i disturbi specifici dell’apprendimento sono identificati come disturbi propri degli alunni della scuola primaria o di grado superiore interessando uno specifico dominio di abilità come la lettura, la scrittura o il calcolo. Tuttavia, già nella scuola dell’infanzia sono individuabili abilità e comportamenti, detti “PREREQUISITI di APPRENDIMENTO”, che costituiscono i mattoncini alla base della costruzione dei futuri apprendimenti scolastici. Un lavoro di potenziamento su tali abilità riveste un importante ruolo protettivo nei confronti di future difficoltà scolastiche. Risulta quindi importante considerare quanto un bambino abbia raggiunto una buona competenza nei prerequisiti anche per permettere interventi mirati  nel caso in cui emergano aspetti di fragilità.

Quali sono i prerequisiti della letto-scrittura?

  • Consapevolezza fonologica : E’ la capacità di identificare le componenti fonologiche delle parole (fonemi, sillabe o altre unità di suono) e di manipolarle intenzionalmente. Può riguardare sia il suono dell’intera parola o di parti di parola;  la capacità di riconoscere o di produrre rime, di compiere la discriminazione uditiva tra due parole simili, ma anche il riconoscimento e la manipolazione di singoli fonemi (suoni) e si sviluppa parallelamente all’apprendimento della lingua scritta;
  • Riconoscimento di lettere : riguarda la  consapevolezza della corrispondenza grafema fonema permette al bambino di trasformare le parole scritte in codice verbale orale;
  • Denominazione rapida automatizzata : riguarda la capacità di denominare il più velocemente stimoli famigliari: rappresenta la disponibilità delle informazioni nella memoria e il grado di automatizzazione in cui vi si accede;
  • Ampiezza lessicale e comprensione morfosintattica : riguardano le abilità morfosintattiche (grammatica, morfologia, sintassi) e il lessico;
  •  Memoria fonologica a breve termine: permette di mantenere e manipolare gli stimoli per il tempo necessario a svolgere un compito; influisce su tutte tre le componenti di base del processo di lettura: decodifica, comprensione e velocità di lettura;
  • Discriminazione visiva e uditiva : è la capacità di riconoscere i grafemi, distinguendoli da altri segni grafici, e differenziarli tra loro in funzione della forma e dell’orientamento spaziale. La Discriminazione uditiva è la capacità di discriminare i suoni linguistici e di riconoscere i singoli fonemi della lingua;
  • Coordinazione oculo-manuale: è  la capacità di coordinare la percezione visiva con l’esecuzione di movimenti delle mani (motricità fine). Viene richiesta nel processo di scrittura per lo sviluppo di un buon grafismo (qualità del tratto grafico).

 

Quali sono i prerequisiti delle competenze di numero  e calcolo?

Lo sviluppo delle competenze di numero e calcolo è permesso da due tipologie di prerequisiti:

  • Capacità di distinguere in modo rapido la quantità corrispondente ad un numero di oggetti ridotto (da 1 a 4). Insieme alle abilità di conteggio si sviluppano le competenze simboliche che permettono al bambino di riconoscere i numeri scritti, leggerli e associarli alla rispettiva quantità;
  • Memoria e abilità linguistiche permettono il calcolo a mente, la risoluzione dei problemi aritmetici e il recupero delle informazioni;

 

Quali sono i prerequisiti che sottendono alla scrittura?

La scrittura, è anche un particolare compito motorio in cui si eseguono sequenze di movimenti coordinati tra loro. E’ importante distinguere il tratto motorio e l’ortografia, dall’aspetto “più creativo” ed espressivo della scrittura.

  • Coordinazione oculo-manuale: riguarda la capacità di coordinare e regolare i movimenti della mano;
  • Abilità Visuo-Percettive: le capacità di discriminazione visiva e di riconoscere lo stimolo in forma globale anche quando viene presentato solo in parte.

 

Alla luce di quanto spiegato, il nostro corso prevede attività di consolidamento e potenziamento dei prerequisiti sia cognitivi che strumentali che sottostanno alla corretta acquisizione degli apprendimenti scolastici. Lavorando e confrontandosi nel gruppo, i bambini dell’ultimo anno di Scuola dell’Infanzia consolideranno anche la propria autostima e la motivazione ad apprendere, fattori indispensabili per il successo scolastico.

Il corso prevede 12 incontri di un'ora e 30 minuti con cadenza bisettimanale e sarà tenuto in contemporanea da uno psicoterapeuta, logopedista e neuropsicomotricista.